venerdì 27 marzo 2009

Credenza, paura, desiderio


E l'accettazione di una credenza non è, in definitiva, proprio questo: un modo di mettere a tacere la paura di non essere nulla, di essere vuoti? Dopo tutto, però, una tazza è utile soltanto quando è vuota; e una mente piena di credenze, di dogmi, di asserzioni, di citazioni, non è certo una mente creativa, è semplicemente ripetitiva. Sfuggire a quella paura - la paura del vuoto, la paura della solitudine, la paura del ristagno, la paura di non arrivare, di non riuscire, di non ottenere qualcosa, di non essere qualcosa, di non diventare qualcosa - è certamente una delle ragioni per cui aderiamo alle varie credenze con tanto entusiasmo, con avidità. E attraverso l'accettazione di una credenza, comprendiamo forse meglio noi stessi? Al contrario. Una credenza, religiosa o politica, ostacola ovviamente la comprensione di noi stessi. Agisce come uno schermo attraverso cui ci guardiamo.
Jiddu Krishnamurti
(La ricerca della felicità)

7 commenti:

  1. Forse perchè abbiamo sempre bisogno di delegare a qualcuno o a qualcosa le nostre ansie, paure e speranze. Ho capito da poco che solo io e Nicole, possiamo trovare la chiave...

    RispondiElimina
  2. Io non credo alle credenze,la vita va sperimentata giorno per giorno.

    RispondiElimina
  3. la credenza è insicurezza....un appiglio per quando non sappiamo che fare

    RispondiElimina
  4. Belle parole,
    però io sono cattolica.... un po' in crisi ma cerco di essere un po' coerente con gli insegnamenti perchè ho una figlia che frequenta il catechismo.
    Non si puo' "predicare bene e razzolare male".
    Io credo che esista qualcosa di spirituale intorno a noi.
    Non mi interessa poi alla fine se Dio ha la barba bianca oppure se siamo tutti parte di una coscienza infinita. io sento che qualcosa di spirituale esiste.
    E lo prego come mi hanno insegnato.
    E poi....alla fine cio' che conta è amare il prossimo.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Se la tazza è utile solo quando è vuota, allora anche per noi sarebbe molto meglio evitare di farci riempire la nostra testa con idee altrui, con dogmi religiosi o politici, con parole d'ordine e slogan pubblicitari propinati a piene mani con autentici bombardamenti mediatici da chi ha interesse a condizionare le nostre scelte. Ma è un'impresa pressocché impossibile. Bisonerebbe ritirarsi in un deserto!

    RispondiElimina
  6. MI PIACE QUESTO BLOG è BELLO SULSERIO FINALMENTE !

    RispondiElimina