domenica 15 marzo 2009

Risveglio


Qualunque fiore tu sia, quando verrà il tuo tempo, sboccerai.
Anche dai sogni della notte trarrai forza e nutrimento.
Perciò sii paziente verso quanto ti accade e curati ed amati,
senza paragonarti o voler essere un altro fiore,
poiché non esiste fiore migliore di quello che si apre nella pienezza di ciò che è.
E quando ti avverrà, potrai scoprire che andavi sognando di essere un fiore che aveva da fiorire.
Alle sorgenti dell'essere. Viaggio interiore nella foresta amazzonica" di Walter Gioia

5 commenti:

  1. E quando il fiore è già sbocciato?
    Scherzo, io sono il tulipano rosso? Va bene?

    RispondiElimina
  2. E proprio quando meno te lo aspetti, quando hai smesso di desiderare con tutta te stessa lo sbocciare, quando hai smesso di cercare l'acqua miracolora, quando hai imprecato contro il sole che fievole non riusciva a scaldarti, quando hai temuto la mano che lesta voleva coglierti, sboccerai.

    E in quel momento tu sarai il tuo mondo e dovrai gioire di questa futile ed effimera essenza.

    Carpe Diem, cogli la rosa quando è il momento perchè il fiore che oggi è bocciolo, domani appassirà.

    RispondiElimina
  3. bei versi

    ciao Michele http://pianetatempolibero.blogspot.com/

    se mi link ti link
    ciao

    RispondiElimina
  4. E' la primavera che riapre le porte alla nuova vita di nuovi esseri viventi...noi possiamo solo guardare e gioire che tutto continua a scorrere, a riproporsi instancabilmente E' il Tao !

    RispondiElimina
  5. Ciao,
    complimenti per il tuo blog.
    sono contento sia piaciuta la mia poesia Risveglio. Permettimi allora di condividere Nudo Fiore tratta dal romanzo in uscita a giugno:

    Nudo fiore

    Tu, nudo fiore, doni il tuo profumo
    a ognuno. Accogli il sole,
    le nubi da cui piove. A nuove aurore
    ti apri e non ti chiedi
    se incontrerai dolore o avrai carezze.
    Preziosi pollini a lievi brezze
    affidi. E poi sorridi al cielo, al tutto,
    e all’affilata sorte che ti addita:
    la tua morte è un frutto per la vita.


    da: “La posada di doña Carmen”
    di Walter Gioia - OGE, 2009

    RispondiElimina